Cop_Irene Ivaldi Senso 2

IRENE IVALDI È ANNA KARENINA AL FESTIVAL INTERNAZIONALE DI CERVO (IM)

Tratto da Anna Karenina di Tolstoj ANNA K. è l’ultimo progetto di Valter Malosti in scena dal 13 al 18 agosto (ad esclusione del 16 agosto) a Palazzo Viale all’interno del 54mo Festival Internazionale di Musica da Camera di Cervo (IM), nell’interpretazione di Irene Ivaldi e con la presenza in scena  del violoncellista Lamberto Curtoni.

Caronia_ifigenia_ph-Articolo

ROBERTA CARONIA E’ ‘IFIGENIA IN CARDIFF’ AL 22° FESTIVAL DELLE COLLINE TORINESI

E’ stata presentata  il 19 aprile scorso, nel corso di una conferenza stampa affollatissima, la 22ma edizione del Festival delle Colline Torinesi.

Il programma, ricchissimo, 27 spettacoli nel corso di 19 giorni – dal 4 al 22 giugno, vede la compagnia tedesca She She Pop,  il greco Euripides Laskaridis e i libanesi Lina Majdalaine e Rabih Mroué. Numerose e apprezzate le compagnie italiane in cartellone – Motus, Socìetas, Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa, Fanny & Alexander, Scena Verticale, Babilonia Teatri – a cui si affiancheranno alcuni tra i protagonisti più interessanti della scena teatrale italiana: Valter Malosti, Paola Rota, Marta DAlla Via, i Fratelli De Serio, Frosini/Timpano, Milena Costanzo, Elena Bucci, Deflorian/Tagliarini, Cuocolo/Bosetti Iraa Theater, Licia Lanera, Saba Anglana e Fabio Barovero.

Il tema di quest’anno, la donna, testimone della contemporaneità, ben si sposa con l’ultima creazione del Teatro di Dioniso: IGIFENIA IN CARDIFF di Gary Owen, che vede l’interpretazione di Roberta Caronia, già compagna di ventura del Teatro di Dioniso nel fortunatissimo IL BERRETTO A SONAGLI che ha da poco terminato il suo secondo anno di tournée per l’Italia. La regia è di Valter Malosti che, con IFIGENIA IN CARDIFF, è alla sua undicesima presenza all’interno del Festival.

IFIGENIA IN CARDIFF debutterà in prima assoluta venerdì 16 giugno alle ore 21.30 alla Casa del Teatro Ragazzi di Torino, con repliche il 17 e il 18 alle ore 19.30

Effie la sfrontata, la sboccata, la squattrinata Effie vive in un Galles di periferia, a sud di Cardiff, nel quartiere di Splott, dove conduce un’esistenza irregolare senza progetti, senza futuro. Vive di niente Effie; qualche spicciolo dall’assistenza sociale e i soldi che, tra un litigio e un altro, la nonna le lascia sul tavolo sbattendo la porta.
Come in un film di Ken Loach, Effie è una dei tanti relitti di umanità ai margini a cui nessuno si interessa , tranne per dare distrattamente un’occhiata al suo bel culo.
La sua identità Effie la cancella tutte le sere distruggendosi di alcol: sotto botta alcolica, il mondo grigio e ostile non esiste più. “Compagni di sbronze” di questa creatura suburbana sono la coinquilina Leanne e Sacha, l’amico un po’ sciocco con cui scopa senza fantasia e senza amore.
E se fosse proprio l’Amore a cambiare la sua vita? Un incontro, in una notte alcolica e folle, un uomo diverso dagli altri, un soldato tornato dall’Afghanistan, segnerà l’inizio di una trasformazione. Questa buffa e sguaiata crisalide dimostrerà a se stessa di poter essere migliore di come è stata fino ad allora. Anche se nulla è come sembra, anche se altri colpi di scena ribalteranno ancora una volta la rotta, Effie non sarà mai più la stessa.

Ifigenia in Cardiff di Gary Owen (dall’originario Iphigenia in Splott), è un delirio monologante denso di lucidità che si rivela a poco a poco, ribaltando gli equilibri del senso comune e scardinando moralismi e perbenismi vari, con il suo attacco sferrato in pieno viso contro l’ipocrisia della società e di una politica dell’austerity che finisce per stringere la morsa sempre sui soliti noti: i più deboli.
Con un linguaggio abrasivo pieno d’ironia tagliente, Owen affonda il coltello nelle maglie sconnesse della contemporaneità, consegnandoci il ritratto al vetriolo di una Ifigenia moderna che non ci sta ad essere la vittima sacrificale di un sistema già scritto, reagisce,  si oppone al fato che la vorrebbe vendicativa e miope, con un inaspettato, gratuito e sconcertante atto di compassione.
Davanti ai fallimenti del nostro tempo, Effie non è di certo un capro espiatorio ma testimone ferale e voce d’accusa contro un potere che, con la sua ingombrante ingordigia, divora le vite degli altri.
A questa “nuova” Ifigenia darà il suo corpo e la sua voce Roberta Caronia, in una prova estrema e perturbante, dentro uno spazio dove nulla dovrà distrarci dalla “passione” laica squadernata in una via crucis che si dipana dentro un paesaggio  che di greco non ha più niente: locali oscuri, spiagge devastate, fabbriche che sembrano astronavi schiantate, montagne di metallo, binari di treno che non portano più a nulla, gru, tubi, cataste di ciminiere, ospedali labirinto, pony selvaggi, pneumatici scoppiati, elicotteri che rombano forte sulle teste, water abbandonati, rovine di case, lastre di cemento come lapidi, vetri che scintillano alla luna.

Biglietteria: http://www.festivaldellecolline.it/edizione/tickets

 

Copertina_F_Fracassi_Erodias_018@Lorenza_Daverio

Spostamento di sede per ‘Erodiàs’

Il Teatro di Dioniso comunica che, per un problema tecnico intervenuto alla Sala Piccola delle Fonderie Limone (Moncalieri), lo spettacolo ERODIÀS di Giovanni Testori  con Federica Fracassi e la regia di Renzo Martinelli
andrà in scena DOMENICA 22 GENNAIO allo SPAZIO KOR (ex Teatro Giraudi) di Asti, anziché alle Fonderie Limone come precedentemente annunciato.
Info e biglietteria
ASTI
Teatro Alfieri | Via Leon Grandi 16 | Tel. 0141 399057
Teatro Giraudi | Piazza San Giuseppe | Tel. 349 1781140
info@teatrodidioniso.it
cop_news_ven_pelliccia

VENERE IN PELLICCIA CON SABRINA IMPACCIATORE E VALTER MALOSTI: TOURNEE 2016/2017

Riprende giovedì 1 dicembre 2016  dal Teatro Cucinelli di Solomeo (PG) la tournée di VENERE IN PELLICCIA di David Ives.
Dopo il successo della scorsa stagione,  lo spettacolo,  che vede protagonisti  Sabrina Impacciatore e Valter Malosti, e la regia dello stesso Malosti, riprende una tournée che lo porterà in tutta Italia.
VENERE IN PELLICCIA è una coproduzione Parmaconcerti, Pierfrancesco Pisani e Teatro di Dioniso, in collaborazione con Infinito srl e Fondazione Teatro della Fortuna di Fano/AMAT.
Qui le date:

news_giardino

IL GIARDINO DEI CILIEGI A TORINO FINO AL 30 OTTOBRE 2016

… Perché sui cartelloni e sugli annunci dei giornali la mia pièce viene con tanta ostinazione definita un dramma? Nemirovich e Alekseev (Stanivslàskij) nella mia pièce, decisamente, vedono qualcos’altro, non quello che io ho scritto, e sarei pronto a giurare che nessuno dei due l’ha letta almeno una volta con attenzione. Scusami, ma ti assicuro che è così. E non mi riferisco solamente all’orrenda scenografia del secondo atto…
da Anton Čechov a Olga Knipper, Jalta, 10 aprile 1904

Valter_ARTICOLO_Orfeo

VALTER MALOSTI VINCE IL 44mo PREMIO FLAIANO PER IL TEATRO CON LA REGIA DI ‘VENERE IN PELLICCIA’

Annunciati i vincitori della 44ma edizione de Premi Internazionali Flaiano di Cinema, Teatro, Televisione e Radio.

Fra i protagonisti del premio, quest’anno, per la sezione Teatro, verrà insignito  Valter Malosti  per la regia di ‘Venere in pelliccia’ unitamente alla coprotagonista dello spettacolo Sabrina Impacciatore.
Valter Malosti, attore, regista, anima della compagnia torinese Teatro di Dioniso, nonché Direttore della Scuola  per Attori dello Stabile di Torino,  aggiunge questo significativo  premio  alla lunga serie che sin dall’inizio della sua attività artistica ha accompagnato il suo lavoro.

Un riconoscimento importante che mette in risalto  l’impegno che artisti e produzione –Pierfrancesco Pisani, Parmaconcerti e Teatro di Dioniso –  hanno profuso per la realizzazione della prima versione italiana della pluripremiata e acclamata pièce di Ives (svariati Tony Award a Broadway), da cui Roman Polanski ha tratto l’omonimo film (con la collaborazione alla sceneggiatura dello stesso autore), messa in scena per la prima volta in assoluto in Italia, nell’interpretazione di Sabrina Impacciatore e Valter Malosti, anche nella veste di regista.

Un pool che ha visto il premio David di Donatello 2016, Massimo Cantini Parrini,  per la realizzazione dei costumi,  i suoni del premio Ubu 2014 Gup Alcaro, le scene e le luci di Nicolas Bovey.

Fondati nel 1973 per onorare Ennio Flaiano e riproporre costantemente lo studio della sua opera, i Premi Internazionali Flaiano costituiscono una struttura articolata in tutta una serie di manifestazioni, rassegne, convegni, spettacoli nei quali confluiscono motivi concreti di cultura: nel senso specifico di produzione di ‘fatti’ letterari, teatrali, cinematografici, televisivi che culminano nelle giornate estive e autunnali della consegna dei premi.
I Premi sono dedicati al nome di Flaiano, alla sua arte, al suo eclettismo, al suo modo di osservare la società in cui viviamo, alla sua moralità e al suo senso civico che lo portò nell’ultimo decennio della sua vita a impegnarsi in iniziative di promozione culturale nella sua città natale.

La cerimonia di premiazione si terrà domenica 9 luglio a Pescara

news_berretto

Il Berretto a Sonagli al Franco Parenti di Milano

Riparte con una settimana di presenza al Teatro Franco Parenti di Milano la seconda parte della tournée 2016/2017 de  IL BERRETTO  A SONAGLI:  da martedì 21 a domenica 26 febbraio il testo pirandelliano sarà ospite nella sala di Via Pier Lombardo con questi orari: martedì  e sabato h 20.30 mercoledì e  venerdì h 19.45,
giovedì h 21.00 e domenica h 16.00.

Info> 0259995206 | biglietteria@teatrofrancoparenti.it

Mercoledì 22 febbraio, alle h 18 presso il Café Rouge del teatro: conversazione con Valter Malosti e Roberta Carpani, docente di drammaturgia all’Università Cattolica. Un incontro di approfondimento sul tema: IL BERRETTO DELLA FOLLIA

Leggi la scheda dello spettacolo

Qui trovi le date della tournée 2016/2017

 

ferretti-_cop_-ph_marcello_d_andrea

Giovanni Lindo Ferretti ad Asti ‘A cuor contento’

Venerdì 20 gennaio alle ore 21, per la rassegna Parole d’Artista, il Teatro Alfieri di Asti ospita l’unica data piemontese di una fra le più significative figure del panorama musicale italiano: Giovanni Lindo Ferretti porta infatti in scena A CUOR CONTENTO.<!–more–>
Ad accompagnare la voce mitica dei CCCP prima, dei CSI e dei PGR poi, Ezio Bonicelli alla chitarra elettrica e al violino e Luca A. Rossi al basso, chitarra elettrica e batteria elettronica.

Giovanni Lindo Ferretti è considerato il padre del punk italiano (“punk filo-sovietico e musica melodica emiliana”), e con i CCCP punto di riferimento per il mondo della musica alternativa in Italia: la storia dei CCCP-CSI ha infatti segnato una tappa decisiva nel rock italiano.

Personaggio carismatico e indipendente anche dalla stessa scena indipendente ha sempre frequentato ambiti differenti: musica, composizione, scrittura, teatro –significativo il suo incontro con Giorgio Barberio Corsetti e a seguire con Teresa De Sio-, con il suo ritorno alle origini familiari in quel di Cerreto Alpi, dove alleva cavalli, ‘teatro barbarico’ attraverso ‘Saga’ partitura per voce, cavalli, incudine, con mantice e bordone.

A CUOR CONTENTO è dunque un gradito ritorno per tutti gli appassionati che avranno occasione di ritrovare il Lindo di sempre in una forma decisamente nuova; A CUOR CONTENTO infatti ricalca i tour precedenti nella forma ma non nella sostanza.

Nel corso del concerto Ferretti torna a raccontarsi esclusivamente con le canzoni del suo repertorio solista, un repertorio che abbraccia trent’anni della sua carriera, a partire dai CCCP Fedeli alla Linea, passando attraverso CSI e PGR fino ad arrivare agli ultimi progetti solisti. In scaletta anche alcune canzoni mai eseguite dal vivo, con qualche brano tratto da Saga, il Canto dei Canti, ultimo album pubblicato da Sony Music.

Sul palco, insieme a Ferretti, due fedeli compagni di viaggio: Ezio Bonicelli e Luca A. Rossi, entrambi componenti degli Ustmamò, impegnati a assicurare alle canzoni una nuova –ma fedele- veste elettrica.
Questi alcuni dei brani eseguiti nel corso della serata: Pons Tremolans, Amandoti, Oh! Battagliero, Cupe Vampe, Annarella, Io Sto Bene, Depressione Caspica, Mi Ami? Canto Eroico, Emilia Paranoica, Spara Jurij.

Info e prenotazioni
Per prenotazione biglietti: tel. 0141 399057 (biglietteria del Teatro Alfieri di Asti, Via Leon Grandi 16, Asti) dal martedi al venerdì dalle 10 alle 17; l’orario è  continuato.
Venerdì 20 gennaio (giorno del concerto) l’orario della biglietteria sarà il seguente: 10-17 e 19-21
via mail: info@teatrodidioniso.it

ph. Marcello D’Andrea

berretto_news

IL BERRETTO A SONAGLI | Tournée 2016/2017

Riprende nella stagione 2016/2017 la tournée de IL BERRETTO A SONAGLI

22/10/2016 | Avigliana (TO) | Teatro Auditorium E.Fassino

27-30/10/2016 | Prato (PO) | Teatro Metastasio

16-20/11/2016 | Brescia | Teatro Sociale