VALTER MALOSTI VINCE IL 44mo PREMIO FLAIANO PER IL TEATRO CON LA REGIA DI ‘VENERE IN PELLICCIA’

Annunciati i vincitori della 44ma edizione de Premi Internazionali Flaiano di Cinema, Teatro, Televisione e Radio.

Fra i protagonisti del premio, quest’anno, per la sezione Teatro, verrà insignito  Valter Malosti  per la regia di ‘Venere in pelliccia’ unitamente alla coprotagonista dello spettacolo Sabrina Impacciatore.
Valter Malosti, attore, regista, anima della compagnia torinese Teatro di Dioniso, nonché Direttore della Scuola  per Attori dello Stabile di Torino,  aggiunge questo significativo  premio  alla lunga serie che sin dall’inizio della sua attività artistica ha accompagnato il suo lavoro.

Un riconoscimento importante che mette in risalto  l’impegno che artisti e produzione –Pierfrancesco Pisani, Parmaconcerti e Teatro di Dioniso –  hanno profuso per la realizzazione della prima versione italiana della pluripremiata e acclamata pièce di Ives (svariati Tony Award a Broadway), da cui Roman Polanski ha tratto l’omonimo film (con la collaborazione alla sceneggiatura dello stesso autore), messa in scena per la prima volta in assoluto in Italia, nell’interpretazione di Sabrina Impacciatore e Valter Malosti, anche nella veste di regista.

Un pool che ha visto il premio David di Donatello 2016, Massimo Cantini Parrini,  per la realizzazione dei costumi,  i suoni del premio Ubu 2014 Gup Alcaro, le scene e le luci di Nicolas Bovey.

Fondati nel 1973 per onorare Ennio Flaiano e riproporre costantemente lo studio della sua opera, i Premi Internazionali Flaiano costituiscono una struttura articolata in tutta una serie di manifestazioni, rassegne, convegni, spettacoli nei quali confluiscono motivi concreti di cultura: nel senso specifico di produzione di ‘fatti’ letterari, teatrali, cinematografici, televisivi che culminano nelle giornate estive e autunnali della consegna dei premi.
I Premi sono dedicati al nome di Flaiano, alla sua arte, al suo eclettismo, al suo modo di osservare la società in cui viviamo, alla sua moralità e al suo senso civico che lo portò nell’ultimo decennio della sua vita a impegnarsi in iniziative di promozione culturale nella sua città natale.

La cerimonia di premiazione si terrà domenica 9 luglio a Pescara